Ricerca avanzata
Foglio della Settimana
il segno
Inventori di strade

Parroco, laici e Consiglio pastorale





Riflessione di don Fernando

Il rapporto tra preti e laici
Tanti laici delle nostre parrocchie sempre più s’accorgano del sovraccarico di lavoro pastorale che grava sulle spalle dei loro preti. E a testimonianza di questo, stanno certe scene non proprio belle: alludo a quando certi miei confratelli non sentono la sveglia al mattino o che per stanchezza trattano un pò duramente la gente o che s’addormentano durante la predica del prete che presiede la celebrazione o che crollano dalla stanchezza mentre ascoltano le Confessioni o che si dimenticano di appuntamenti importanti pur avendoli scritti in agenda, ecc. Mi vien da chiedere accoratamente: cari laici, vigilate amorosamente su vostri preti!

- Vigilate su noi preti perché riusciamo a mantenerci grati al Signore per la magnifica vocazione ricevuta e per tutti coloro che ci aiutano a mantenerla viva.

- Vigilate su noi preti perché il gruppo dei più stretti collaboratori non finisca per essere così stabile e vincolante da diventare uno schermo che ci impedisce di vedere il resto della comunità e di percepirne gli umori.

- Vigilate su noi preti affinché chiunque lo desideri, riesca ad incontrarci liberamente senza il filtro o l’impedimento di qualche collaboratore.

- Vigilate su noi preti affinché avendo scelto di servire il Signore, non diventiamo servitori di nessun altro padrone, memori di quanto disse Gesù: non si possono servire 2 padroni (Mt.6, 24).

- Vigilate su noi preti affinché nel dare un incarico a questo e a quello non siamo condizionati e che non capiti che la persona da noi scelta trasformi il suo incarico in un potere anziché in un servizio.

Cosa comporta essere membri del Consiglio pastorale?
- Mi chiedo a volte: i membri del CP leggono sempre l’o.d.g. delle riunioni? M’immagino la scena di qualche consigliere che prima di uscire di casa, non ricordandosi l’o.d.g., scorre velocemente il telefonino alla ricerca dalla mail di convocazione, e semmai non la trova più. E così viene in Consiglio senza aver riflettuto sui diversi punti dell’o.d.g., senza aver raccolto il parere di nessuno, senza essersi documentato e senza essersi fatto un parere personale. E se ugualmente farà un intervento durante la riunione, è perché lo avrà deciso sul momento, col rischio di parlare non ponderatamente. Oppure starà zitto, forse solo perché la riunione possa finire presto. Mi chiedo: è serio partecipare al CP così? In questo modo si dà ragione a chi dice: L’ho sempre detto che il CP non serve a niente!
- Bisogna evitare che in CP qualcuno prevalga su tutti e che quindi non si riesca mai a ragionare sulle cose come si deve e col contributo di tutti. Bisogna evitare che siano sempre gli stessi a parlare, i quali semmai non s’accorgono di essere interminabili, dando per scontato di essere sempre interessanti.

- Se hai accettato di far parte del CP non trovare sempre una scusa per non andarci.

- L’o.d.g. che ti arriva a volte ha degli allegati: anche questi vanno letti.

- Se non sei contento delle cose che vengono trattate in CP, anziché spargere critiche, invia una mail alla segreteria contenente i tuoi suggerimenti.

- Prima di ogni seduta del CP, dì una preghierina o, meglio, invoca lo Spirito Santo affinché la riunione sia più illuminata.

- Se intervieni durante il CP, sii sobrio e cerca di non uscire dall’argomento. E però non tacere se hai qualcosa da dire, anche perché spesso accade che è a riunione terminata che nasce una sorta di ‘dopo Consiglio’ a gruppetti, nei quali si dicono cose che si sarebbero dovute dire in Consiglio. Anzi, è proprio in questo “Consiglio alternativo” che si dice quel che veramente si pensa.
- Se prendi la parola per fare qualche raccomandazione, verifica prima se tu sei il 1° a fare quanto raccomandi. In una parola, sii credibile, parla di quello che sai e taci quello che ignori.

- Chiunque interviene va ascoltato esattamente come hai piacere tu di essere ascoltato.

- Tieni spento o in silenzio il telefonino e, comunque, evita di rispondere a chi ti ha messaggiato.

- Evita di arrabbiarti se chi interviene esprime un parere contrario al tuo e soprattutto non intenderlo necessariamente come un’ostilità verso di te.

- Il bravo consigliere pastorale nel riferire in casa o agli amici come è andato il Consiglio eviterà di mettere in cattiva luce questo o quello, memore di quanto disse P. Pio, ora santo: La mormorazione è un vizio volontario che fa morire la carità.
- I membri del CP devono essere i primi a mostrare che ci si impegna in parrocchia soprattutto per una ragione, per amore del Vangelo. Se Gesù e il Vangelo non sono la vera motivazione che ti muove, ecco che sorgono rivalità, personalismi e atteggiamenti non caritatevoli. Se pertanto ti accorgi che non è il Signore a ispirare il tuo agire, fermati, rifletti e cerca di purificare le ragioni del tuo impegno. Sì, è vero, possono esserci altre ragioni del tuo impegno in parrocchia: se così è, fa in modo che rimangano ragioni minori e non prioritarie. Ad es. quando si è genitori di bimbi piccoli o anche di ragazzi adolescenti, si è più motivati ad impegnarsi in parrocchia. In fondo è il futuro del proprio figlio che è in ballo. Ebbene, ci sta questa ragione e però occorre tenere lo sguardo oltre i propri figli per posarlo sull’intera comunità e i suoi bisogni.

- Se tu consigliere pastorale sei una persona molto impegnata in parrocchia, guardati da questo rischio: è un attimo che la tua generosità si trasformi in protagonismo o che s’insinui in te l’idea che se manchi tu, tutto vada a rotoli. Per evitare questo rischio, ti è di aiuto accettare una correzione e confrontarti con amici e la guida spirituale.
           
                                                                                                                                 
L’impegno in parrocchia
- Non ci si impegna in parrocchia perché c’è un parroco che piace, come pure, non ci si disimpegna perché c’è un parroco che non piace. Tu operi in parrocchia per il prete o per Gesù? Se è vero che quando c’è un cambio di parroco c’è chi ‘monta su’ e chi ‘smonta’ in base al tipo di prete che arriva, ti pare che questo modo di fare sia ispirato al Vangelo?

- Ti pare giusto disimpegnarti perché tra i collaboratori parrocchiali c’è qualcuno col quale c’è incompatibilità? Anche qui, non ti pare che questa tua decisione non abbia nulla a che fare col Vangelo?

- Non ci si impegna in parrocchia per poter svolgere il servizio che piace, ma per poter svolgere il servizio di cui c’è bisogno. Non che sia sbagliato agire per piacere, è però col parroco che si deve concordare il servizio da svolgere, avendo solo lui l’orizzonte completo dei bisogni della comunità.

- Un’altra questione è quella che riguarda quei collaboratori che arrivano a defilarsi dalla vita parrocchiale non per una ragione di persone, ma perché non condividono le linee di fondo della pastorale parrocchiale. E’ questo un punto delicato, che ci ricorda l’importanza della maturità ecclesiale nei rapporti all’interno della comunità cristiana. Il punto da recepire è questo: la parrocchia non è una democrazia, ma una comunione; il dialogo, negli organismi parrocchiali, non è una negoziazione ma una condivisione fraterna, che ha nel parroco il riferimento ultimo. Le parole maggioranza e opposizione sono di un parlamento, non di una parrocchia. Ne deriva che non bisogna pretendere che la propria personale spiritualità e sensibilità divengano la sensibilità e la spiritualità della parrocchia. Sia chiaro però che qual ora uno faccia davvero fatica a far convivere la propria spiritualità con quella della parrocchia, deve sentirsi libero di agire secondo coscienza. E’ in pace che siamo chiamati a vivere dice S. Paolo nella Bibbia.   

25.01.2018


Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Login Form

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Con il presente documento, ai sensi degli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 (“codice privacy”), nonché in base a quanto previsto dal Provvedimento generale del Garante privacy dell’8 maggio 2014, il titolare del presente sito, fornisce agli utenti del sito www.parrocchiadicalerno.it alcune informazioni relative ai cookie utilizzati.

Cosa sono i cookie
Un “cookie” è un piccolo file di testo creato sul computer dell’utente al momento in cui questo accede ad un determinato sito, con lo scopo di immagazzinare e trasportare informazioni. I cookie sono inviati da un server web (che è il computer sul quale è in esecuzione il sito web visitato) al browser dell’utente (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.) e memorizzati sul computer di quest’ultimo; vengono, quindi, re-inviati al sito web al momento delle visite successive.
Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (c.d. cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti.


Tipologie di cookie utilizzate dal presente sito

Cookie del Titolare
Il sito www.parrocchiadicalerno.it utilizza solo cookie tecnici, rispetto ai quali, ai sensi dell’art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato.
Più precisamente il sito utilizza cookie di tipo numerico, composto da un id che identifica l'utente e da una chiave che certifica che l'utente appartenga al nostro database. Il cookie non ha scadenza quindi può essere cancellato manualmente dall'utente oppure automaticamente a seconda delle impostazioni del browser.
In assenza di tali cookie, il sito web non potrebbe funzionare correttamente.

Cookie di terze parti
Attraverso il sito www.parrocchiadicalerno.it sono installati alcuni cookie di terze parti, anche profilanti, che si attivano cliccando “accetta” sul banner.
Si riportano nel dettaglio i singoli cookie di terze parti, nonché i link attraverso i quali l’utente può ricevere maggiori informazioni e richiedere la disattivazione dei cookie.
Google Analytics
Il Sito utilizza Google Analytics. Si tratta di un servizio di analisi web fornito da Google Inc. (“Google”) che utilizza dei cookie che vengono depositati sul computer dell’utente per consentire analisi statistiche in forma aggregata in ordine all’utilizzo del sito web visitato.
I Dati generati da Google Analytics sono conservati da Google così come indicato nella Informativa reperibile al seguente link https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage
Per consultare l’informativa privacy della società Google Inc., titolare autonomo del trattamento dei dati relativi al servizio Google Analytics, si rinvia al sito Internet http://www.google.com/intl/en/analytics/privacyoverview.html
__ga
Questo cookie è di Google Analytics, quindi di terze parti ed è persistente. È usato per distinguere utente e sessione. Il cookie viene aggiornato ogni volta che i dati vengono inviati a Google Analytics.
__gat
Questo cookie è di Google Analytics, quindi di terze parti ed è persistente. È utilizzato per gestire le richieste effettuate al servizio di Google Analytics.
Google Maps
Il Sito utilizza Google Maps.Si tratta di un servizio fornito da Google Inc. (“Google”) che utilizza dei cookie installati dal modulo Google Maps utilizzato per l'inclusione delle mappe nella pagina.
APISID, HSID, NID, PREF, SAPISID, SID, SSID__utma, __utmb, __utmt, __utmt_super, __utmz, _ga, _gat, _gat_ta, _gat_tw, PAIDCONTENT, WMC, GAPS
Queste cookie sono di Google Maps, quindi di terze parti e sono persistenti. Sono installati dal modulo Google Maps utilizzato per l'inclusione delle mappe nella pagina.

Pulsanti di social network
I Social buttons sono quei particolari “pulsanti” presenti sul sito che raffigurano le icone di social network (esempio, Facebook e Twitter) e consentono agli utenti che stanno navigando di interagire con un “click” direttamente con le piattaforme social.
I social buttons utilizzati dal sito; sono dei link che rinviano agli account del Titolare sui social network raffigurati. Tramite l’utilizzo di tali pulsanti non sono pertanto installati sul sito cookie di terze parti. Si riportano comunque i link ove l’utente può prendere visione dell’informativa privacy relativa alla gestione dei dati da parte dei Social cui i pulsanti rinviano.
https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter#
https://www.facebook.com/help/cookies


Modalità  del trattamento
Il trattamento viene effettuato con strumenti automatizzati dal Titolare. Non viene effettuata alcuna diffusione o comunicazione.

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare sul sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
L’interessato può quindi evitare l’installazione dei cookie mantenendo il banner (astenendosi quindi dal chiuderlo cliccando sul tasto “Approvo”), nonché  attraverso le apposite funzioni disponibili sul proprio browser.

Disabilitazione dei cookie
Fermo restando quanto sopra indicato in ordine ai cookie strettamente necessari alla navigazione, l’utente può eliminare gli altri cookie attraverso la funzionalità a tal fine messa a disposizione dal Titolare tramite la presente informativa oppure direttamente tramite il proprio browser.
Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. L’utente può ottenere istruzioni specifiche attraverso i link sottostanti.
Apple Safari
Microsoft Windows Explorer
Google Chrome 
Mozilla Firefox 


La disattivazione dei cookie di terze parti è inoltre possibile attraverso le modalità rese disponibili direttamente dalla società terza titolare per detto trattamento, come indicato ai link riportati nel paragrafo “cookie di terze parti”

Per avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente si rinvia al link: www.youronlinechoices.com/it/letuescelte
Nota: i cookies di terze parti possono cambiare nome, aumentare o diminuire di numero in qualsiasi momento e senza preavviso da parte del fornitore terzo.

Modifiche alla presente informativa
La presente informativa potrebbe essere soggetta a modifiche nel tempo (ad esempio variazioni alle normative, oppure all’introduzione di nuovi servizi offerti dal presente sito) pertanto invitiamo gli utenti a verificare le modifiche consultando periodicamente questa pagina.

Ultimo aggiornamento informativa: 28 Maggio 2015.


Diritti dell’interessato
L’interessato potrà far valere in ogni momento, rivolgendosi al titolare del trattamento tramite l’invio di una mail all’indirizzo: info@parrocchiadicalerno.it, i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, che di seguito si riporta testualmente.

Art. 7 D. Lgs. 196/2003
1.L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2.L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
a) dell’origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3.L’interessato ha diritto di ottenere:
a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.