Ricerca avanzata
5 x mille

Le Messe festive a Calerno e S. Ilario






Lettera alle due comunità

Quando nasce un’unità pastorale, come è avvenuto a Calerno e a S. Ilario, una questione da affrontare è l’orario delle Messe. Perché? Perché se un parroco si trova ad avere una o più parrocchie in aggiunta da servire, gli diventa difficile se non impossibile mantenere lo stesso numero di Messe in ogni comunità. Voglio dunque rendervi partecipi del criterio che ho seguito nel ridefinire il numero delle Messe festive nelle nostre due parrocchie.

> Qualcuno mi ha chiesto: se da quando don Lao è morto, don Fernando e don Franco sono riusciti a mantenere e a celebrare 4 Messe a S. Ilario (6.30 - 08.30 - 10.30 - 19.00) e 2 a Calerno (08.30 e 11.00), perché non mantenere questo schema? A questa domanda io ho risposto negativamente perché essendo le Messe delle due parrocchie in orari pressoché sovrapposti, a conservarli così, le due comunità si manterrebbero come sono state fin ad ora, cioè separate e ognuna “a casa propria”. Ora, capite anche voi che non nasce alcuna unità pastorale nel rimanere nei propri territori, senza scambio né condivisione.

> Mi sono chiesto allora: come far sì che le Messe restino nelle due comunità, senza però che siano sovrapposte, in modo che chi è di S. Ilario possa andare a Calerno, se qui la Messa gli è più comoda, oppure viceversa? Nel rispondere, ho cercato di tenere fermi due punti.

1) Se siamo chiamati a diventare un’unica famiglia parrocchiale, chi da Calerno va a S. Ilario, e viceversa, “gioca” sempre in casa. Come ho detto prima, è utile che ci sia uno scambio se vogliamo che sorga quella familiarità, che è il cuore di ogni unità pastorale. 

2) C’è poi un’altra questione. Visto che il Vescovo mi ha nominato parroco sia di Calerno che di S. Ilario, quand’è che un parroco incontra la sua comunità? Di domenica. E’ vero, anche lungo la settimana ci sono appuntamenti in parrocchia, ma si tratta per lo più di incontri di settore, come il riunirsi del Consiglio pastorale o dei catechisti o della Caritas o della società sportiva, ecc. Ma è soprattutto di domenica, nella Messa e nel ‘dopo Messa’, che tutta la comunità si ritrova insieme. Sta qui la ragione che mi ha portato a collocare, soprattutto le Messe principali, in orari che consentano al parroco di presiederle. Diversamente, come potrebbe un parroco sentirsi tale se non incontra regolarmente la sua comunità? 

> Vengo così ai nuovi orari delle Messe festive. Dopo aver preso in considerazione diverse ipotesi, a seguito soprattutto della dibattuta assemblea del 12 ottobre, la soluzione che ho, subito, accarezzato è stata questa: 08.00 (S. Ilario) - 09.00 (Calerno) - 10.00 (S. Ilario) - 11.30 (Calerno) - 19.00 (S. Ilario). Ritengo che quest’orario rappresenti il miglior equilibrio possibile, anche se vede purtroppo la chiesa di S. Ilario con una Messa in meno, quella delle 06.30. Una volta però elaborata questa soluzione, riflettendo con don Franco, abbiamo immaginato il dispiacere di coloro che si vedranno tolta la Messa delle 06.30. E allora, nel tenere presente quest’ultima fascia di persone, l’orario delle Messe festive che prenderà il via il 12 novembre sarà il seguente: 06. 30 (S. Ilario) / 08.00 (S. Ilario) / 09.00 (Calerno) / 10.00 (S. Ilario) / 11.30 (Calerno) / 19.00 (S. Ilario). Io celebrerò sempre le due Messe principali (10.00 e 11.30), mentre per le altre quattro, tre saranno celebrate da don Franco e una da me. Chi troverà la Messa delle 10 a S. Ilario troppo presto, potrà andare a quelle delle 11.30 a Calerno. Chi invece troverà la prima Messa di Calerno troppo tardi, potrà andare a quella delle 8 a S. Ilario. Sinceramente mi auguro che questo avvenga, perché in questo modo crescerebbero la conoscenza, l’incontro e l’amicizia tra le due comunità. Mi auguro che, di questo schema proposto, venga apprezzato lo sforzo di aver avanzato una soluzione, che non diminuendo il numero delle Messe, dissipa tante paure che erano sorte. Che Dio conservi don Franco e me in salute, in modo che sia garantita ogni domenica la celebrazione di tutte e 6 le S. Messe. Il nuovo orario è comunque ad experimentum: solo con lo scorrere dei mesi sapremo dire quanto questa soluzione rappresenti davvero il meglio che si poteva offrire.

> Una parola a parte merita l’altro argomento (le Messe feriali, la Messa natalizia di mezzanotte, il Triduo pasquale e altre ricorrenze significative), ma su tale questione, prenderò le dovute decisioni insieme al Consiglio pastorale, per poi comunicarle.
L’amato papa San Giovanni Paolo II, nel cui giorno sto scrivendo queste righe, ci tenga illuminati e ci ispiri propositi di unità.

Un caro saluto,

                                                                                                                         don Fernando


S. Ilario, 22 ottobre 2017 – San Giovanni Paolo II


Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.

Login Form

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Con il presente documento, ai sensi degli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 (“codice privacy”), nonché in base a quanto previsto dal Provvedimento generale del Garante privacy dell’8 maggio 2014, il titolare del presente sito, fornisce agli utenti del sito www.parrocchiadicalerno.it alcune informazioni relative ai cookie utilizzati.

Cosa sono i cookie
Un “cookie” è un piccolo file di testo creato sul computer dell’utente al momento in cui questo accede ad un determinato sito, con lo scopo di immagazzinare e trasportare informazioni. I cookie sono inviati da un server web (che è il computer sul quale è in esecuzione il sito web visitato) al browser dell’utente (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.) e memorizzati sul computer di quest’ultimo; vengono, quindi, re-inviati al sito web al momento delle visite successive.
Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (c.d. cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti.


Tipologie di cookie utilizzate dal presente sito

Cookie del Titolare
Il sito www.parrocchiadicalerno.it utilizza solo cookie tecnici, rispetto ai quali, ai sensi dell’art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato.
Più precisamente il sito utilizza cookie di tipo numerico, composto da un id che identifica l'utente e da una chiave che certifica che l'utente appartenga al nostro database. Il cookie non ha scadenza quindi può essere cancellato manualmente dall'utente oppure automaticamente a seconda delle impostazioni del browser.
In assenza di tali cookie, il sito web non potrebbe funzionare correttamente.

Cookie di terze parti
Attraverso il sito www.parrocchiadicalerno.it sono installati alcuni cookie di terze parti, anche profilanti, che si attivano cliccando “accetta” sul banner.
Si riportano nel dettaglio i singoli cookie di terze parti, nonché i link attraverso i quali l’utente può ricevere maggiori informazioni e richiedere la disattivazione dei cookie.
Google Analytics
Il Sito utilizza Google Analytics. Si tratta di un servizio di analisi web fornito da Google Inc. (“Google”) che utilizza dei cookie che vengono depositati sul computer dell’utente per consentire analisi statistiche in forma aggregata in ordine all’utilizzo del sito web visitato.
I Dati generati da Google Analytics sono conservati da Google così come indicato nella Informativa reperibile al seguente link https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage
Per consultare l’informativa privacy della società Google Inc., titolare autonomo del trattamento dei dati relativi al servizio Google Analytics, si rinvia al sito Internet http://www.google.com/intl/en/analytics/privacyoverview.html
__ga
Questo cookie è di Google Analytics, quindi di terze parti ed è persistente. È usato per distinguere utente e sessione. Il cookie viene aggiornato ogni volta che i dati vengono inviati a Google Analytics.
__gat
Questo cookie è di Google Analytics, quindi di terze parti ed è persistente. È utilizzato per gestire le richieste effettuate al servizio di Google Analytics.
Google Maps
Il Sito utilizza Google Maps.Si tratta di un servizio fornito da Google Inc. (“Google”) che utilizza dei cookie installati dal modulo Google Maps utilizzato per l'inclusione delle mappe nella pagina.
APISID, HSID, NID, PREF, SAPISID, SID, SSID__utma, __utmb, __utmt, __utmt_super, __utmz, _ga, _gat, _gat_ta, _gat_tw, PAIDCONTENT, WMC, GAPS
Queste cookie sono di Google Maps, quindi di terze parti e sono persistenti. Sono installati dal modulo Google Maps utilizzato per l'inclusione delle mappe nella pagina.

Pulsanti di social network
I Social buttons sono quei particolari “pulsanti” presenti sul sito che raffigurano le icone di social network (esempio, Facebook e Twitter) e consentono agli utenti che stanno navigando di interagire con un “click” direttamente con le piattaforme social.
I social buttons utilizzati dal sito; sono dei link che rinviano agli account del Titolare sui social network raffigurati. Tramite l’utilizzo di tali pulsanti non sono pertanto installati sul sito cookie di terze parti. Si riportano comunque i link ove l’utente può prendere visione dell’informativa privacy relativa alla gestione dei dati da parte dei Social cui i pulsanti rinviano.
https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-simili-da-parte-di-twitter#
https://www.facebook.com/help/cookies


Modalità  del trattamento
Il trattamento viene effettuato con strumenti automatizzati dal Titolare. Non viene effettuata alcuna diffusione o comunicazione.

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare sul sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
L’interessato può quindi evitare l’installazione dei cookie mantenendo il banner (astenendosi quindi dal chiuderlo cliccando sul tasto “Approvo”), nonché  attraverso le apposite funzioni disponibili sul proprio browser.

Disabilitazione dei cookie
Fermo restando quanto sopra indicato in ordine ai cookie strettamente necessari alla navigazione, l’utente può eliminare gli altri cookie attraverso la funzionalità a tal fine messa a disposizione dal Titolare tramite la presente informativa oppure direttamente tramite il proprio browser.
Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. L’utente può ottenere istruzioni specifiche attraverso i link sottostanti.
Apple Safari
Microsoft Windows Explorer
Google Chrome 
Mozilla Firefox 


La disattivazione dei cookie di terze parti è inoltre possibile attraverso le modalità rese disponibili direttamente dalla società terza titolare per detto trattamento, come indicato ai link riportati nel paragrafo “cookie di terze parti”

Per avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente si rinvia al link: www.youronlinechoices.com/it/letuescelte
Nota: i cookies di terze parti possono cambiare nome, aumentare o diminuire di numero in qualsiasi momento e senza preavviso da parte del fornitore terzo.

Modifiche alla presente informativa
La presente informativa potrebbe essere soggetta a modifiche nel tempo (ad esempio variazioni alle normative, oppure all’introduzione di nuovi servizi offerti dal presente sito) pertanto invitiamo gli utenti a verificare le modifiche consultando periodicamente questa pagina.

Ultimo aggiornamento informativa: 28 Maggio 2015.


Diritti dell’interessato
L’interessato potrà far valere in ogni momento, rivolgendosi al titolare del trattamento tramite l’invio di una mail all’indirizzo: info@parrocchiadicalerno.it, i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, che di seguito si riporta testualmente.

Art. 7 D. Lgs. 196/2003
1.L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2.L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
a) dell’origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3.L’interessato ha diritto di ottenere:
a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.